ALLENAMENTO E CARATTERI ANTROPOMETRICI – IL NORMOTIPO

L’efficacia dell’allenamento dipende anche dai caratteri antropometrici del soggetto e ci si chiede: perché a parità di allenamento ed alimentazione alcuni soggetti riescono ad aumentare notevolmente la loro massa muscolare, mentre altri non raggiungono alcun risultato di rilievo?
Questo può dipendere da molteplici fattori, ma sicuramente quello di maggiore rilevanza è il carattere antropometrico del soggetto.

Sotto questo punto di vista la costituzione corporea si classifica generalmente in tre somatotipi di base: brevilineo, normolineo, longilineo.
Ovviamente è abbastanza difficile trovare un soggetto che incorpori esattamente uno di questi tre somatotipi di base, anche perché questi rappresentano la semplificazione di ben 76 sotto categorie diverse.

Tuttavia in funzione della morfologia corporea, è possibile determinare e scegliere quale tipo di sport meglio si adatta alle caratteristiche fisiche di ciascun individuo:
• Brevilineo (o brachitipo): eccelle negli sport di forza, come il sollevamento pesi;
• Normolineo (o normotipo): è adatto alla pratica di tutti gli sport, in particolare delle discipline di velocità e mezzofondo;
• Longilineo (o longitipo): predilige gli sport di corsa resistente e di salto.

Un soggetto normotipo disporrebbe del fisico perfetto, caratterizzato da notevole massa muscolare ed una bassa percentuale di grasso.
Questi soggetti sono adatti a tutti gli sport e psicologicamente sono molto attivi e impegnati.
Trovare un normotipo puro è molto difficile e questi soggetti di norma riescono ad aumentare il volume muscolare mantenendo una bassa percentuale di grasso con “qualsiasi” tipo di allenamento.

Il normotipo mostra una figura ben proporzionata e presenta nella postura (atteggiamento statico) e nei movimenti, una particolare e naturale eleganza dovuta al passaggio graduale e coordinato da un movimento all’altro, soprattutto nel modo di camminare.
Nei soggetti mal proporzionati invece determinati movimenti non si coordinano bene con i successivi, e si evidenziano per così dire in gesti sgraziati che spostano lo scheletro e le masse muscolari disarmonicamente.

Il normotipo è di fatto il tipo di fisico ideale, con struttura compatta, squadrata e simmetrica con notevoli masse muscolari e bassa percentuale di massa grassa, potenzialmente dotato per poter eccellere in molti sport.
Il baricentro basso lo favorisce nello sci, mentre la parte superiore forte e proporzionata lo porta ad esprimersi bene anche nel tennis.

La combinazione baricentro basso e parte superiore del corpo muscolosa e potente la ritroviamo nei giocatori del foot-ball americano, ma molti altri sono gli sport che si potrebbero citare.

L’obbiettivo del normotipo o Mesomorfo è quello di inserire nel proprio allenamento per la forza, una adeguata varietà di esercizi per migliorare la flessibilità, ed includere a questo scopo esercizi di “stretching”.
Gli allenamenti inoltre dovrebbero indirizzarsi anche verso la ricerca della simmetria generale.